photo

Questa terapia viene prescritta per il recupero della normale mobilità delle articolazioni, il miglioramento della forza del muscolo, della capacità di lavoro muscolare (in particolare la resistenza) e della coordinazione del movimento. Tutto questo per il giovamento posturale e/o il raggiungimento delle determinate necessità di movimento del paziente. Le tecniche utilizzate nella rieducazione motoria individuale sono di diverse tipologie: tecniche di terapia manuale, stretching muscolare, esercizi di rinforzo muscolare, esercizi d’articolarità, esercizi di coordinazione, tecniche propriocettive e esercizi d’equilibrio. Il terapista sceglierà le tecniche migliori in base alla diagnosi medica, l’anamnesi del paziente e l’evoluzione del trattamento. 

Quando il terapista muove un segmento corporeo del paziente si parla di chinesi passiva; se il paziente muove attivamente un arto e il terapista lo aiuta, sostenendone in parte il peso, parliamo di chinesi attivo-assistita. È un trattamento individuale. L’obiettivo è quello di facilitare il recupero della corretta ampiezza articolare di una o più articolazioni. A cosa serve? In seguito ad un trauma, un intervento chirurgico, una immobilizzazione prolungata (gesso, tutori etc.) un’articolazione può perdere la capacità di muoversi nei i suoi piani fisiologici per una riduzione di elasticità tissutale. Attraverso la chinesiterapia/rieducazione motoria di cui fanno parte varie tecniche, il terapista mobilizza le articolazioni coinvolte nella limitazione cercando, attraverso un lavoro graduale, di far riacquistare al paziente la maggior mobilità consentita. Come funziona ? Durante il trattamento il terapista utilizza pompage articolari e muscolari, de-coaptazioni articolari, facilitazioni neuro-muscolari, massoterapia; a seconda della patologia o del tipo di intervento chirurgico.